L'illustratore Frederique Matti sul superamento del perfezionismo come designer

Vivere nel cuore di Amsterdam, Frederique Matti è un illustratore e designer freelance. Quando non sta illustrando puoi trovarla a rilassarsi con il suo gatto Baltazar o ad approfondire la cucina asiatica.

Hai fatto il salto per diventare un libero professionista a tempo pieno un anno fa. Come hai guadagnato la fiducia necessaria per prendere questa decisione?

Un mucchio di cose si sono riunite contemporaneamente. Innanzitutto, mi sono trovato in un lavoro che non mi andava bene. In secondo luogo, ho iniziato a considerare di diventare freelance, qualcosa che avevo già sognato per un po '. Infine, essere infelice nel mio ruolo ha reso quei sogni molto più realizzabili.

Ero molto insicuro nel fare il salto nel freelance a tempo pieno. Tuttavia, a causa di questi 3 eventi che si verificano nello stesso momento, mi sentivo come se fosse il momento di provare almeno. Ero fiducioso di poter sempre tornare a un lavoro se non avesse funzionato per me.

Frederique Matti

Inizialmente quando ho finito gli studi ho iniziato a lavorare come designer digitale in un'agenzia. Mi ero appena trasferito in una nuova città, avevo bisogno di affittare e desiderare un po 'di stabilità. Sapevo di voler lavorare come libero professionista dal momento in cui mi sono laureato, ma mi sentivo come se avessi bisogno di risparmiare denaro e fare esperienza.

In un certo senso ho iniziato a pianificare questa mossa da quel momento in poi. Una delle cose che ho fatto è iniziare a risparmiare denaro. Quando ho fatto il salto lo scorso anno, il mio conto di risparmio mi ha dato la libertà di concentrarmi sul tipo di lavoro che volevo fare.

Questo si è rivelato molto importante: il lavoro che fai fuori è quello per cui ti fai conoscere: le persone ti chiederanno sempre di fare più di quel tipo di lavoro.

Un'altra cosa che ho fatto è che ho iniziato a fare piccoli lavori come freelance mentre lavoravo ancora a tempo pieno per un'azienda. Questo è bello perché hai un'idea di cosa significhi gestire la tua attività, senza tutte le puntate. In questo modo mi ha anche aiutato a trovare alcuni clienti con cui lavoro ancora oggi.

Avere un'attività in proprio consiste nel minimizzare il rischio, quindi avere un po 'di stabilità prima di fare il salto mi ha aiutato molto con la mia sicurezza.

Gran parte del tuo lavoro è digitale, compresi i tuoi schizzi e le prime esplorazioni. In che modo questo influenza il risultato finale?

Come illustratore con un background nel design digitale, il computer è sempre stato il mio parco giochi. Ho iniziato a sperimentare in Adobe Illustrator e Photoshop e ho lavorato da lì. La maggior parte delle mie prime illustrazioni sono realizzate con un trackpad e / o un mouse, posizionando con cura i punti vettoriali. Per il tempo più lungo non ho nemmeno disegnato così tanto.

Ad un certo punto mi sono reso conto che il disegno è molto divertente e un ottimo modo per migliorare il mio stile. Il mio stile ha iniziato a cambiare da essere tutto vettore + trama, a vettore combinato con elementi disegnati a mano.

Questo è cambiato di nuovo quando ho ottenuto il mio iPad Pro. Sto ancora cercando di capire quale sia il miglior flusso di lavoro per me con l'iPad. Tuttavia so per certo che il mio stile è diventato più fluido e disegnato a mano nel tempo, e anche più divertente!

Quando ho iniziato la mia attività come illustratore, pensavo che ciò significasse che dovevo lasciarmi alle spalle il design del mio lavoro precedente. Si scopre che design e illustrazione sono una bella combinazione. Entrambe le parti alimentano quasi allo stesso modo il mio lavoro.

Non progetto più interfacce o prodotti, ma illustrerò per loro. Dato che ho esperienza di background come designer, ho una maggiore comprensione della mia tela, il che aiuta molto me e il mio cliente.

Le illustrazioni vanno dall'editoriale all'illustrativo. Come riesci a trovare un equilibrio tra la creazione di qualcosa che ami e ciò di cui il cliente ha bisogno?

Il lavoro che faccio a scopi editoriali è intrinsecamente più gratuito. I brief sono di solito molto più aperti e si concentrano maggiormente sulla creazione di una buona metafora visiva.

Adoro l'editoria perché mi sfida in un modo diverso rispetto al lavoro che faccio per i prodotti digitali.

Le illustrazioni per i prodotti digitali sono quelle in cui riesco a combinare le mie capacità di designer e illustratore. In questi progetti, lavoro molto con il loro marchio esistente o estendo il loro marchio nel modo più visivo: con il loro stile illustrativo.

Per quanto riguarda lo stile, cerco sempre un equilibrio tra il mio stile e ciò che si adatta bene al marchio del cliente. In realtà mi diverto molto perché mi consente di sviluppare diversi aspetti del mio lavoro e delle mie materie.

A volte questi argomenti possono essere molto astratti, dato che di solito lavoro con aziende tecnologiche.

Una volta ho lavorato con una società di Intelligenza Artificiale e ho scoperto che ci sono molti cliché visivi strani e spaventosi sull'intelligenza artificiale. È piuttosto una sfida rendere qualcosa di fresco e positivo in qualcosa di così astratto!

Come designer è facile farsi prendere dal perfezionismo. Quanto affini i tuoi scarabocchi prima di pubblicarli? O cerchi di abbracciare l'imperfezione?

Ho avuto davvero dei problemi nel condividere il mio lavoro all'inizio. Mi sono trovato tra il divario del mio gusto personale (ciò che voglio fare) e ciò che le mie capacità e capacità mi consentono.

Molte delle cose che ho fatto all'inizio non ho mai finito o condiviso. La sfida per me era esattamente fare ciò di cui avevo paura: condividere il lavoro, anche se non mi piace.

Per incoraggiarmi a fare questo, ho creato un esercizio per me stesso: creare ogni giorno una piccola illustrazione che dovevo condividere.

Questo esercizio è stato perfetto per me perché mi ha costretto ad affrontare le mie paure di condividere qualcosa di stupido o brutto. Quando ho iniziato a condividere, ho imparato che non succede nulla di orribile quando condividi un brutto lavoro. In effetti, possono accadere cose davvero interessanti quando ti rendi visibile.

Penso che il perfezionismo sia una benedizione e una maledizione. Alla fine vuoi essere nella posizione in cui ti spinge a fare un buon lavoro senza paralizzarti.

Sta arrivando alla fine del tuo primo anno come libero professionista. Come hai guadagnato clienti nel corso dell'anno?

Una delle cose più importanti che ho imparato è dire ad alta voce che sei sempre disponibile a lavorare. Oh, e stai davvero bene nello spiegare cosa fai!

Aiuta il mio lavoro a essere così visivo. Fondamentalmente tutto ciò che faccio è materiale di marketing per la mia attività. Cerco di trarne vantaggio essendo attivo su siti Web come Dribbble, Instagram e Behance.

È interessante notare che mi sento come se avessi la maggior parte del mio lavoro attraverso Twitter e il passaparola - entrambi i quali non sono media visivi.

Negli ultimi due anni ho dedicato molto tempo e impegno al networking: la parola "networking" mi fa sempre sentire un adulto! Sembra così professionale, ma aiuta. Il mio stile di networking è in genere parlare con persone online o ad un incontro in un pub con una birra o qualcosa del genere!

Conoscere le persone del tuo settore non è sempre solo attività commerciale. In molti casi anche le persone che incontro diventano mie amiche! Ho guadagnato nuovi clienti attraverso la mia rete più di qualsiasi altro canale.

Fare un bel lavoro non è l'unica cosa importante quando si lavora con qualcuno. Riguarda anche la fiducia e la buona comunicazione: due cose che puoi sviluppare gradualmente nel tempo man mano che hai più conversazioni tra loro.

Quanto è importante per te come illustratore esplorare al di fuori della tua zona di comfort?

Ho una forte preferenza per alcune combinazioni di colori, come puoi immaginare guardando il mio lavoro!

Mi trovo nella posizione in cui faccio uno sforzo per usare altri colori, e poi per qualche motivo mi ritrovo a tornare di nuovo al rosa e al blu! Non riesco proprio a scuoterlo.

Tuttavia, adoro esplorare altri colori e stili che spesso faccio nel lavoro editoriale. Esplorare al di fuori della mia zona di comfort mi aiuta a migliorare il mio stile e mi offre l'opportunità di felici incidenti. Adoro quando succede qualcosa sulla mia tela che non mi aspettavo e mi sorprende in modo simpatico.

Segui Frederique su Twitter, Instagram, Behance o controlla il suo portfolio qui.

Cos'è The Creative Series?

La serie Creative è una pubblicazione gestita da Femke che mette in evidenza i meritati creativi del nostro settore. Se sei interessato a essere messo in primo piano o desideri inviare qualcuno, contatta Femke su Twitter.

Ti è piaciuta questa intervista? Ti consigliamo di consigliarlo di seguito o di seguire la pubblicazione per ulteriori interviste - grazie!