5 cose che i designer dovrebbero dedicare del tempo oltre al tuo portfolio di design

Il portafoglio di design si è incredibilmente fatto strada diventando il pezzo di lavoro più prezioso che un designer deve creare e mantenere per avere una carriera di successo nel design UX. Ho già toccato questo argomento in passato e ho mostrato con orgoglio i miei portafogli da anni. Consiglio gli studenti e organizzo seminari su come rendere convincenti i portafogli. Ma dietro tutto ciò ho una convinzione assillante che:

I portafogli di design sono sopravvalutati

A prima vista questo sembra un clickbait (anche se questo ha già fatto la sua comparsa in un articolo molto clickbait qualche settimana fa). Ma per essere chiari, non sto dicendo che i portafogli di design non siano importanti, solo che diamo troppa enfasi sul loro valore alle aspirazioni di lavoro di uno studente o al successo professionale di un designer.

Perché i portafogli di design sono sopravvalutati

Prima di evidenziare attività più preziose per i progettisti in cerca di lavoro, ho bisogno di stabilire quali portafogli non fanno bene.

Per i progettisti, i portafogli enfatizzano eccessivamente dimostrando valore e competenza nel processo di assunzione. Di tutti i miei assunti di progettazione, rivedere il portfolio è una piccola parte del processo. In effetti la maggior parte dei designer di UX si troveranno a intervistare i non designer che prestano poca attenzione a un portfolio. Dopotutto, perché uno sviluppatore principale dovrebbe preoccuparsi di quanto è buono il tuo portafoglio se non credono di poter collaborare con te? Un product manager si preoccupa poco del tuo design visivo se non crede che tu sappia come tradurre i requisiti aziendali in prodotto. I portafogli non ti aiutano a stabilire un rapporto con team interfunzionali.

Inoltre, i portafogli non ti aiutano a trovare buone opportunità per cominciare. Un bellissimo portfolio non vale molto se non hai trascorso il tempo a trovare l'opportunità che si adatta al tuo skillset.

I portafogli non aiutano inoltre a comunicare molte delle competenze trasversali associate alla pratica di progettazione: comunicazione, scrittura, presentazione, ecc.

Come designer, mi sono costantemente preoccupato per il mio portafoglio mentre cercavo un nuovo lavoro. E mentre scruto i dribbling e Designer News, o parlo con gli studenti di design, continuo a sentire quanto siano importanti i portafogli. Ma ironicamente, come manager delle assunzioni non ci penso molto. Sicuramente i portafogli sono importanti, ma non posso dire che quei designer che ho assunto hanno spesso portafogli migliori delle dozzine che non ho assunto. E mentre analizzo il tempo impiegato in un processo di assunzione, la valutazione di un portafoglio probabilmente rappresenta meno del 10% del processo. Ma immagino che i designer in cerca di lavoro impieghino probabilmente l'80% del loro tempo a lavorare sul portfolio.

Questo è ciò che voglio aiutare a correggere con questo articolo. Voglio aiutare i progettisti a capire che ci sono altre attività su cui concentrarsi quando cercano opportunità che possono avere il massimo (o maggiore) impatto sul risultato di ottenere ottimi lavori di progettazione.

1. Scrivere

Prima di passare ore a perfezionare il design del tuo portfolio, migliora la scrittura. Ho iniziato a scrivere regolarmente dopo circa 10 anni sul campo perché volevo condividere ciò che avevo imparato con gli altri. In quel processo ho iniziato a scoprire quali fossero le mie convinzioni e i miei principi. Mi ha anche costretto a svelare la mia logica per fare le cose come faccio io. Vorrei averlo fatto prima perché mi avrebbe aiutato ad articolare le mie convinzioni progettuali e ad elaborare molto prima.

I portfolio possono aiutarti a tirar fuori queste cose, ma la scrittura è in genere centrata sul progetto piuttosto che su di te come designer. Avere alcuni pezzi ben scritti può aiutare ad eccitare un potenziale datore di lavoro tanto quanto più di un portafoglio. Puoi avere un senso molto più chiaro per l'esperienza di un designer attraverso la loro scrittura e visione del mondo di un bel portfolio.

2. Trovare l'occasione giusta

Ho scritto di più su questo nella mia guida completa per trovare ottimi lavori UX e vale la pena ribadirlo qui perché è così spesso trascurato dai progettisti. Spesso i designer decidono di essere pronti a partire o cercano una nuova opportunità e quindi iniziano a chiedere in giro per le aziende che stanno assumendo. Trascorrono quindi gran parte del loro tempo libero a perfezionare il proprio portafoglio.

Dedica un po 'di tempo al portfolio scavando a fondo nella scrittura:

  • Quello che stai cercando
  • Per quale tipo di azienda vuoi lavorare.
  • Cosa ti piace fare in una posizione di design.

Quindi inizia a trovare opportunità che corrispondono veramente a ciò che scrivi. Ad esempio, se annoti un'azienda come Google, cosa significa veramente? Vuoi far parte di un gruppo di ricerca, sistemi di progettazione, prodotto? C'è un prodotto in particolare su cui vuoi lavorare? Riesci a identificare chi sono i manager della squadra con cui vuoi lavorare? Capisci quali competenze apprezzano quelle squadre e in che modo le tue combaciano?

Le domande ipotetiche sono infinite, ma il punto è che trovare le giuste opportunità è molto più lavoro di quanto la maggior parte dei designer capisca e che passare più tempo a perfezionare le giuste opportunità sia tanto, o più, importante di un portafoglio di design stellare.

3. Costruire una rete

Ricevo settimanalmente richieste dai designer che mi chiedono di guardare i loro portafogli e dare loro un feedback. Mi sono stancato di ripetermi, quindi ho scritto un articolo che aiuta i designer a capire come posizionarsi efficacemente con un portfolio. Ciò di cui non ottengo molto sono i designer che chiedono aiuto o consigli quando cercano buoni lavori. Il massimo che di solito ottengo è: "Ehi, stai assumendo presso Innovatemap?", Rispondo, "No, ma grazie per l'interesse. *" Il designer non risponde mai e probabilmente passa all'agenzia successiva che hanno trovato in dribbble o google ricerca.

Aspetta un secondo, ho detto che non assumerò mai? Si l'ho fatto. Eppure in qualche modo abbiamo aumentato la nostra agenzia da 5 a 21 in quattro anni, quindi chiaramente assumiamo. La verità è che non assumerò mai perché quando ho bisogno di ricoprire un ruolo, so già chi voglio assumere. Le migliori squadre operano così, il che significa che le migliori opportunità non esistono mai.

So solo chi voglio assumere perché sono sempre in rete con i designer. Vorrei che i designer facessero la stessa cosa regolarmente. I buoni responsabili delle assunzioni sanno che non possono fare rete solo quando hanno un ruolo da svolgere, i migliori designer sanno che non possono fare rete solo quando hanno bisogno di un lavoro. Contatta i senior designer e manager e chiedi se puoi comprare loro il caffè per sapere su cosa sta lavorando il loro team. Se sono occupati, chiedi se nel loro team sono presenti designer che potrebbero farti conoscere. Cavolo, chiedi se riesci a lavorare all'ombra.

E non limitarti ai designer. Molte grandi opportunità inizieranno con altre squadre; un product manager nuovo di UX che non ha mai assunto una persona. Un fondatore in cerca di aiuto per la progettazione ma non ha il tempo di pubblicare un ruolo o assumere un'agenzia di reclutamento. Ti viene l'idea. Esci, inizia conversazioni.

4. Cerco tutoraggio

Il networking per stabilire connessioni non è l'unica cosa su cui dovresti concentrarti durante il networking. Per quegli stessi designer che mi chiedono feedback sui portafogli, consiglierei di chiedermi una consulenza professionale. Non mi interessa dare consigli su un portafoglio, ma se mi fai un paio di domande mirate alle quali posso rispondere, passerò il tempo a rispondere.

I designer devono dedicare più tempo alla ricerca di un tutoraggio piuttosto che alla critica del portfolio. Se hai un ottimo portfolio ma sei un disastro quando si tratta di presentare, tutto il lavoro che metti nel portfolio finisce per essere uno spreco. Ma se sei consapevole di non essere bravo a presentare, chiedi agli altri come puoi migliorare, quindi lavora su quello più del tuo portafoglio. Il vantaggio secondario di questo approccio è che, rivolgendoti ai designer per un consiglio, sarai anche in rete e forse ti aprirai per opportunità lungo la strada. Se un designer inizia a connettersi con me, potrei non avere una posizione da riempire, ma sono sempre felice di stabilire una connessione con qualcuno che lo fa.

5. Trovare opportunità in cui lavori attualmente

Questo non funzionerà per la situazione di tutti. A volte raggiungi la fine del lavoro o vuoi andartene per motivi indipendenti dal tuo attuale datore di lavoro (o sei uno studente che non ha un lavoro da lasciare, nel qual caso dovresti leggere questo riferimento più tardi). Ma per il resto di voi, vale la pena esplorare ogni opportunità che avete prima di partire. Ad esempio, se vuoi esplorare le opportunità di fare più ricerche, quale modo migliore per prepararti che iniziare a farlo di più dove sei già? È più facile trovare un ruolo che richiede un nuovo skillset se hai avuto la possibilità di sviluppare tale skillset nella tua posizione attuale, piuttosto che convincere qualcuno che puoi fare qualcosa con cui non hai alcuna esperienza.

I portafogli sono importanti, ma sono sopravvalutati. Come un curriculum, devi averne uno in UX, ma fai attenzione a non impegnarti in portafogli a spese di altre attività che ti aiuteranno a trovare lavori favolosi. Per ogni ora che passi in un portfolio, spendi uno per scrivere, creare reti, trovare buone opportunità e ottenere tutoraggio. E prima di lasciare un lavoro, assicurati di aver massimizzato quello esistente. Espandere il tuo set di strumenti per trovare lavoro si tradurrà in migliori opportunità e alla fine diventerai un designer più forte grazie a questo.

Quando non inserisco i portafogli al loro posto, sto aiutando i progettisti a diventare più veloci con gli strumenti di progettazione di Sketch di UX Power Tools e il design di punta di Innovatemap.

Segui UX Power Tools su Twitter

Connettiti con me su LinkedIn